Le regole per andare in bicicletta: cosa devi sapere

La frenesia della quotidianità e i ritmi forsennati sono dettati da una mobilità urbana che oggi giorno è diventata un vero e proprio problema. Smog e traffico, causato dalle troppe autovetture e non solo, contribuiscono a danneggiare la nostra salute.

La nostra salute che deve essere salvaguardata, così come quella del nostro pianeta. La soluzione c’è e spostarsi senza motore significa prediligere la bicicletta. Va sottolineato, però, che la bici è un veicolo a tutti gli effetti e per questo ci sono delle regole per andare in bicicletta che devono essere rispettate.

Regole che, purtroppo, il più delle volte vengono sottovalutate in quanto la bicicletta può essere guidata senza autorizzazioni, a differenza di auto, camion, motorini, tutti bisognosi di patente. Non potrebbe, però, esserci sbaglio più grande. 

Il Codice della Strada, infatti, stabilisce delle regole per andare in bicicletta nelle strade pubbliche e, in quest’articolo, ve le andremo a riassumere.

Le regole per andare in bicicletta: come circolare correttamente

Innanzitutto sfatiamo subito un mito e una perplessità di molti ciclisti: per andare in bicicletta non è obbligatorio indossare il casco, neanche per i minori di 14 anni. Non c’è traccia, ancora oggi, di questa norma nel Codice della Strada, il che è discutibile a dir poco. 

Infatti, dati alla mano del post lockdown, vedono un aumento degli spostamenti in bici coincidere con un aumento degli incidenti. Come si suol dire, prevenire è meglio che curare e l’utilizzo del casco è fortemente consigliato per salvaguardare la salute del conducente e di chi è passeggero. 

le regole per andare in bicicletta

Il ciclista è un soggetto debole della circolazione stradale, per questo è importante che conosca le regole per andare in bicicletta correttamente e che lo mettano al sicuro dalle insidie della strada e dei veicoli. Si pone alla base di tutto la conoscenza delle norme nel dare la precedenza o rispettare lo stop.

Le regole per andare in bicicletta: le norme sulla precedenza

Statisticamente, infatti, la maggior parte degli incidenti avviene perché sono violate le norme sulla precedenza. Elenchiamo di seguito quando il ciclista deve dare precedenza o rispettare uno stop:

  • A tutti i veicoli se vi è il segnale apposito di Dare Precedenza o Stop;
     
  • Ai veicoli provenienti dalla propria destra;
     
  • A tutti i veicoli provenienti dalla direzione opposta, se si svolta a sinistra;
     
  • Ai pedoni sugli attraversamenti pedonali;
     
  • A tutti i veicoli, se ci si immette nella direzione di traffico, uscendo dalla pista ciclabile.

Se sapere quando dare la precedenza è fondamentale, rispettare il proprio senso di marcia non è da meno: le biciclette devono circolare il più a destra possibile della carreggiata e se la strada è a senso unico, è vietato circolare contromano. Per la circolazione contromano, però, esistono delle eccezioni che il ministero dei Trasporti ha delegato ai vari Comuni: il Sindaco avrà l’autorizzazione di approvare la circolazione delle bici nei due sensi di marcia ma solo su strade larghe almeno 4,25 metri e in aree con limite di 30 km/h.  

Gli errori più comuni di chi va in bicicletta

Tra gli errori più comuni inerenti alla circolazione stradale, ne citiamo 3: il primo è vedere biciclette l’una di fianco all’altra proseguire la propria marcia. Ciò è ammissibile solo se si affianca un minore di 10 anni, altrimenti, la guida deve essere sempre e solo in fila indiana. Il secondo è l’attraversamento delle strisce pedonali che deve essere eseguito scendono dal sellino e accompagnando la propria bici a mano. Infine, il terzo, che è all’ordine del giorno, riguarda la circolazione sui marciapiedi. Come suggerisce la parola stessa, il marciapiede è dedicato solo ai pedoni ed è assolutamente vietato marciare su di esso con la bici.

Avere l’uso delle braccia e delle mani libero, rivolto esclusivamente all’utilizzo del manubrio, può sembrare una norma banale ma non lo è. Quante persone guidano con una mano e trasportano il proprio cane con l’altra o accarezzano il proprio bambino posto sul seggiolino? Errori che possono risultare fatali ed essere d’intralcio quando si ha intenzione o è necessario compiere una manovra di svolta a destra o sinistra.

Un consiglio per la tua sicurezza: lo specchietto retrovisore

Per eseguire un cambio di direzione in totale sicurezza, il consiglio è di utilizzare uno specchietto retrovisore (utilissimo ma non obbligatorio). Obbligatorio è invece non trasportare più persone eccezion fatta per i bambini fino agli 8 anni di età e utilizzando gli appositi seggiolini e poggiapiedi.

Avere gli arti liberi e la visuale perfetta non presuppone l’idoneità nell’utilizzo di cuffie o auricolari per ascoltare musica o parlare al cellulare. Tutti questi strumenti, infatti, non fanno altro che inibire la giusta concentrazione che il ciclista deve avere per ascoltare i rumori della strada.

Le regole per andare in bicicletta: come deve essere equipaggiata

Viste le regole più importanti, da conoscere e rispettare sempre, quando si circola in bicicletta su strada, è ugualmente rilevante per la propria e l’altrui sicurezza l’aspetto dell’equipaggiamento. Vediamo nel dettaglio tutti quei dispositivi che sulla bicicletta non devono mai mancare e che sono obbligatori.

  • Anzitutto, iniziamo dai freni: questi devono essere perfettamente funzionanti e sono situati sulla ruota anteriore e posteriore. Prima di mettere “in moto” la bici, è bene fare un check e controllare che sia tutto apposto.
  • Una bicicletta può circolare senza campanello? La risposta è no! Indispensabile per farsi notare in caso di pericolo o di avviso di svolta e passaggio.
  • Importantissimo è il tema delle segnalazioni visive: la bicicletta deve essere equipaggiata di luci di due colori diversi: le bianche, posizionate davanti; le rosse, posizionate sul retro.
  • Sulle ruote e sui pedali, invece, le bici devono avere i catadiottri, piccole placche di plastica che riflettono quando incontrano le luci delle altre auto o dei lampioni. Questi dispositivi servono per mettere in risalto la bicicletta quando avviene una circolazione notturna.
  • Come accennato precedentemente, è consentito il trasporto dei bambini fino all’età di 8 anni, posti su seggiolini omologati. Per conoscere dettagliatamente quali debbano essere le caratteristiche costruttive dei seggiolini, vi rimandiamo all’articolo 225 del Regolamento di Attuazione.

qibbel-air-seggiolino-per-bambino-per-bici-posteriore-portapacchi-attacco-bianco

  • È importante sapere che il seggiolino omologato dev’essere dotato dello schienale, poggiapiedi, e una cintura o bretelle che assicurano il bambino e, soprattutto, non deve essere installato su portapacchi non idonei. È errore frequente, anche degli stessi rivenditori, fissare seggiolini con capacità di carico fino a 25 kg su portapacchi la cui capacità è limitata a 7 kg.

Un errore madornale, quest’ultimo, che può mettere a rischio la vita dei propri bambini, così come la noncuranza e il non rispetto delle regole per andare in bicicletta. Un veicolo che deve diventare il mezzo di trasporto per eccellenza va “trattato” con la massima attenzione e premura. Il rispetto delle regole è essenziale per le auto, i motori, i camion e anche per le biciclette, oggi giorno non più un mezzo di seconda fascia ma un veicolo, disponibile in tantissime versioni diverse che potrete trovare sul nostro sito, adatto a soddisfare anche le esigenze più scomode dei cittadini.

Assistenza gratuita di Donno Bikes

Noi di Donno Bikes, abbiamo in catalogo tantissimi modelli di biciclette che garantiscono la massima sicurezza e che sono in regola secondo il Codice della Strada. Tutte con modalità di pagamento conveniente. Affidati alla consulenza di un nostro esperto, totalmente gratuita, che ti aiuterà nella scelta della bici e risponderà a tutti i tuoi dubbi!

Per maggiori informazioni e chiarimenti, puoi contattarci al numero 3757060406.

donnobikes
donnobikes

Il nostro manager è pronto a rispondere a tutte le tue domande e fornirti consulenza personalizzata. Chiedi pure!

Clicca qui per ulteriori informazioni!